Dicembre 8, 2021

Glam the magazine

spettacolo, moda, food&wine

L’alimentatore, il nuovo romanzo di Manuela Villa

Dopo L’obbligo del silenzio (2007) e La sposa e il diavolo (2009), Manuela Villa torna in libreria con un romanzo tutto nuovo, L’alimentatore, che porta la firma di Alessandro Cecchi Paone alla prefazione.

L’alimentatore è un romanzo psicologico particolare, di sapore noir, che si interroga e mostra gli effetti che scaturiscono dalla mancanza delle più importanti figure di riferimento. E Corinne e Sebastian, i due amanti protagonisti di questo romanzo, ne sono l’esempio. Un amore malato il loro, che nasce dalle insicurezze e dal continuo bisogno di certezze. Un amore fatto di egoismo e di paure, che porterà i protagonisti verso l’abisso.

Ma si può continuare a definire “amore” ciò che è “possesso”, “appartenenza” e “sopraffazione”? In questo racconto pungente della Villa, Corinne è vittima e forse complice: inizierà a mangiare a non finire, per colmare quei vuoti interiori che la attangaliano, pur di appagare le attenzioni di un uomo che forse non la ama davvero, ma si illude e la illude di questo amore.

Questo, in un senso quasi letterale, è  L’alimentatore. Ma non solo: è la favola dell’amore portato agli estremi della sopportazione umana, è il subire violenza mentale e fisica, il racconto di un abisso interiore, dove ci si addentra con troppa facilità finendo per perdercisi dentro. “Li amava entrambi, ma a modo suo, anche se quello era l’unico tipo di amore che conosceva. Aveva la forma di un cappio morbido e profumato, lo stesso che lui aveva appena preparato”.

Un romanzo che è un pugno nello stomaco, dove la sofferenza è tangibile. Solo chi è protagonista di questa discesa nel baratro di un amore-non-amore può trovare la forza, e la chiave, per poterne uscire, “libero” e “nuovo”.

E questo, la Villa, non solo lo sa, ma lo esprime con fermezza e coraggio, con una scrittura sagace e attenta nelle pagine di un romanzo che si fa leggere tutto d’un fiato. Un libro che parla del dolore e della forza necessaria per poterne uscire, quella forza che ti fa comprendere la differenza tra possesso e amore, e lo fa analizzando e soprattutto mostrando, le conseguenze che derivano.

L’alimentatore è disponibile in tutte le librerie a partire dal 3 giugno.